Coro Giovanile Italiano

Il Coro Giovanile Italiano, formazione unica nel panorama corale italiano, è stata fortemente voluta da Feniarco fin dal 2003: formazione, crescita, progetti, nuovi stimoli e strade importanti per i nostri giovani cantori. Per il triennio 2017-19 la direzione è affidata a Luigi Marzola e Carlo Pavese

Bando audizioni integrative 2019 (iscrizioni entro il 5/11/2018)

Una selezione giovanile della coralità italiana, guidata da maestri d’eccezione, un laboratorio formativo, un’esperienza che lascia fruttuose impronte sul territorio, un coro che punta all’eccellenza: questo è il profilo voluto dalla federazione per il suo coro. I 40 giovani coristi, tra i 18 e i 28 anni, provengono da diverse città d’Italia e da molteplici esperienze musicali e periodicamente si rinnovano portando energia, vitalità e passione.

La costituzione di questa formazione, nel 2003, ha permesso di allineare la coralità italiana agli altri contesti europei. Nel corso degli anni si sono alternati alla guida del Coro Giovanile Italiano maestri di fama internazionale quali Filippo Maria Bressan, Nicola Conci, Stojan Kuret, Lorenzo Donati con Dario Tabbia, Gary Graden con Roberta Paraninfo. Il coro ha affrontato repertori diversi tra loro: dalla polifonia rinascimentale al Novecento storico, dalla Scuola napoletana del ‘700 al repertorio popolare delle regioni italiane, dal Romanticismo ai compositori contemporanei, di varia origine e stile.

Il coro ha preso parte per quattro volte al Festival Europa Cantat, una delle più importanti manifestazioni corali europee: nel 2006 a Mainz (Germania), nel 2012 a Torino, nel 2015 a Pécs (Ungheria) e nel 2018 a Tallinn (Estonia). In questi contesti ha avuto l’occasione di lavorare, assieme ad altri cori giovanili nazionali, con direttori quali Frieder Bernius, Simon Gaudenz, Georg Grün, Filippo Maria Bressan e di esibirsi in concerto con il proprio repertorio in luoghi di prestigio e davanti a un pubblico di addetti ai lavori. Il coro ha anche partecipato all’edizione 2016 del Festival Les Choralies a Vaison la Romaine (Francia) lavorando con Philippe Forget.

Il Coro Giovanile Italiano viene spesso invitato a esibirsi in importanti festival, eventi e rassegne corali. Da segnalare, negli anni recenti, la partecipazione a MiTo Settembre Musica nel 2016, 2017 e 2018, alla Sagra Musicale Umbra e alla Reggia di Caserta nel 2017, alla stagione musicale della Fondazione Pietà dei Turchini a Napoli, al Festival CantaBO a Bologna e a Rezia Cantat in Valchiavenna nel 2018. Nel corso della sua storia ha tenuto circa 150 concerti in numerose città italiane, da Nord a Sud (Aosta, Arezzo, Assisi, Bergamo, Cuneo, Desio, Fano, Firenze, L’Aquila, Matera, Messina, Milano, Montecatini Terme, Perugia, Pescara, Pordenone, Porto Torres, Prato, Reggio Calabria, Roma, Salerno, Siena, Taranto, Torino, Trento, Udine, Venezia, Vicenza per citarne alcune).

Il Coro Giovanile Italiano è una formazione in grado di affrontare sfide impegnative e di confrontarsi con le più prestigiose realtà corali grazie all’estrema flessibilità dei giovani componenti, all’attenzione e alla scrupolosità dei suoi maestri e allo spirito energico che arriva dalla voglia di far coro, crescendo insieme, maturando da un punto di vista musicale e anche umano. Ulteriore prova di ciò è la vittoria nel giugno 2014 al prestigioso concorso Florilège Vocal de Tours (Francia), dove il coro ha vinto i primi premi nelle categorie principali a programma obbligato, libero e rinascimentale oltre a un premio speciale. A riprova dell’eclettismo e della versatilità di questo coro, sempre nel giugno 2014, ha calcato il palco con The Rolling Stones nel loro concerto al Circo Massimo di Roma per l’esecuzione di un brano con le celeberrime icone del rock.

Per il triennio 2017-2019 il Coro Giovanile Italiano è affidato alla direzione dei maestri Luigi Marzola e Carlo Pavese, il primo con un repertorio che va dal Rinascimento al romanticismo, il secondo dedito alle composizioni del Novecento storico e contemporanee.
Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.